top of page
  • Immagine del redattoredaniela mercorelli

FRESH-Il Principe Azzurro non esiste, ma se doveste incontrarlo, assicuratevi che sia vegano


A chi non è capitato, dopo una giornata più pesante delle altre, di voler vedere un film leggero, soprattutto quando si sta vivendo un periodo nel quale l'unico momento di distrazione, da tutta la pesantezza accumulata, sono quelle due ore in cui entriamo in simbiosi con lo schermo e la storia che scegliamo di guardare.. Ecco per una serata leggera, quale piattaforma migliore della Disney+ per ritemprarci contro il logorio dello stress da monotonia delle giornate tutte uguali.. magari un film di supereroi è quello che ci vuole per il nostro benessere e la nostra autostima..

Mi imbatto invece nella didascalia che promuove FRESH - genere thriller - e che recita così " La protagonista di FRESH è Noa, che incontra l'affascinate Steve al supermercato e, complice un rapporto frustrante con le app di incontri, decide di dargli il suo numero. Dopo il primo appuntamento Noa è già innamorata e accetta l'invito di Steve per un weekend romantico, ma scoprirà che il suo nuovo principe le ha nascosto degli appetiti insoliti"


La parte della descrizione che ho evidenziato, è quella sulla quale mi sono concentrata, e che mi ha fatto pensare che non poteva essere un thriller.. tuttalpiù, la una storia tra due persone, con personalità diverse e forse particolarmente curiose... e che magari, nella storia sarebbe emerso qualche particolare piccante.. del quale avrei potuto anche ridere.


Per la prima parte del film, tutto fila liscio come lo avevo immaginato.. Noa delusa dopo aver incontrato un ragazzo conosciuto per mezzo di una app , incontra Steve al supermercato ed è colpo di fulmine.. penso "che culo Noa! stai contenta.. hai visto che quando meno te lo aspetti, quello che cerchi arriva, sempre!"

In realtà, questo pensiero si sposa con la trama solo per i primi 30 minuti.. oltre, preparatevi a vedere un altro film... siete pronti?

Lasciamo da parte le impressioni a caldo, che sono sempre le peggiori ( o le migliori dipende dai punti di vista ) ma, a freddo, confesso che sono anche riuscita a riderci su.

In fondo il film abbraccia più generi.. può essere considerato per i primi 30 minuti, una Commedia Romatica, , poi diventa un thriller.. ma anche un pò horror.. sempre in stile dark-humor.

Continuando, sempre a freddo, è stato interessante ri-leggere i personaggi di Noa ( grandiosa Daisy Edgar-Jone) la protagonista femminile, e Mollie (Jonica T. Gibbs), la sua migliore amica, nel ruolo di "anti-principesse", due ragazze.. due donne con un senso di solidarietà di genere, assoluto .. la solidarietà che diventa alleanza, che moltiplica la forza.. forza intesa come ingegno, creatività, capacità di credere in se stessi per trovare, di fronte a qualunque situazione, una via di uscita.. quella forza necessaria a Noa, per liberare se stessa e le sue amiche da un finto principe azzurro come Steve (Sebastian Stan).. anche perché, diciamocelo una volta per tutte, i principi azzurri non esistono.. e non esistono le principesse. Se lo ha capito anche la Disney, possiamo esserne certe.. ma nel dubbio, care amiche, semmai crederete un giorno di aver incontrato il principe azzurro, assicuratevi almeno che sia vegano!!!


Se invece volete leggere qualche recensione seria vi segnalo questi link:





11 visualizzazioni0 commenti

Comments


Post: Blog2 Post
bottom of page